O Cecità del misero mortale, Ahi che publico inganno